Jose Casanovas

Nombre:Jose Casanovas

Actividad:Veterinario

País:España

Ver el perfil del autor en 333
Acerca de mi..:Coordinador Bioseguridad en Cincaporc. Saludos desde La Franja ...
SeguidoresSiguiendo4662
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta un artículo de 3tres3.com
09-jul-2018 (hace 7 días)
333social

Presentamos... la red social de 333

16-jul-2015 (hace 3 años)

Llevamos 16 años en la red y en este momento ya hay más de 44.000 profesionales registrados a 333. Ya va siendo hora de que os empecéis a conocer entre vosotros, por eso nos hace mucha ilusión presentar nuestra propia red social.

marinvelezcarlomartin.mvzguzzoclaudioCristòfolJose Casanovas+
4
rpujol

rpujol16-jul-2018

Por el hecho de haberte registrado en 333 ya tienes acceso a la red social de 333.
Una vez logado, haz click en tu foto o alias y accederás a la red 333. Aquí verás los comentarios y publicaciones de los usuarios que sigues. Desde aquí también podrás compartir tus publicaciones con el resto de usuarios. Clica en la pestaña "buscar" para encontrar y seguir a otros usuarios de 333 con los que compartir tus inquietudes. Si necesitas más información, escribe de nuevo!
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta un artículo de 3tres3.com
30-jun-2018 (hace 16 días)
alejozooGARRIXavier Salamólunita M.Viscarelli+
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta una publicación
30-jun-2018 (hace 16 días)
 M.Viscarelli
M.Viscarelli (Massimo Viscarelli)
Contaminazione da micotossine di mangimi per animali. Regolamento eu.
http://www.mycotoxins.info/en/regulations/
Contaminante (articolo 1 del Regolamento CEE n.315/1993) ogni sostanza non aggiunta
intenzionalmente ai prodotti alimentari, ma in essi presente quale residuo della produzione
(compresi i trattamenti applicati alle colture e al bestiame e nella prassi della medicina veterinaria),
della fabbricazione, della trasformazione, della preparazione, del trattamento, del condizionamento,
dell'imballaggio, del trasporto o dello stoccaggio di tali prodotti, o in seguito alla contaminazione
dovuta all'ambiente. I corpi estranei quali, ad esempio, frantumi di insetti, peli di animali e altri non
rientrano nella presente definizione.
martin.mvzhendrik janJose Casanovas+
Jose Casanovas (Jose Casanovas) ha comentado una publicación
30-jun-2018 (hace 16 días)
 M.Viscarelli
M.Viscarelli (Massimo Viscarelli)
Mappa globale della ricorrenza e del rischio di micotossine in diverse regioni. I quadrati indicano quanti% dei campioni analizzati della regione sono stati contaminati con le rispettive micotossine. I colori indicano diversi livelli di rischio in base alla legenda riportata di seguito. https://www.biomin.net/en/blog-posts/2017-biomin-mycotoxin-survey-results/
martin.mvzhendrik janJose Casanovas+
1
Jose Casanovas

Jose Casanovas30-jun-2018

Como puede ser que Norteamerica tenga un riesgo tan alto? Pensaba que el maiz cargado de micotoxinas l mandaban a la exportacion? Saludos desde La Franja
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta una publicación
28-jun-2018 (hace 18 días)

Janice Zanella, de EMBRAPA, abordará el tema Enfermedades Transfronterizas y Emergentes de Cerdos

28-jun-2018 (hace 18 días)
Médica veterinaria graduada por la Escuela de Veterinaria de la Universidad Federal de Minas Gerais, Janice es Maestro y Ph. D. en Virología Molecular de la U. de Nebraska
leer más
Jose Casanovas+
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta un artículo de 3tre3.it
28-jun-2018 (hace 18 días)
uofaa

PVI Formazione- UOFAA e 333 assieme per la Scuola Nazionale di Formazione in Suinicoltura: elenco corsi

28-jun-2018 (hace 18 días)

Dal 1° gennaio 2018, 333 ha acquisito il brand "Sus Scrofa", fondazione nata in Spagna ed in Italia nel 2000 per soddisfare le esigenze di personale del settore suinicolo. 333 in Italia si unisce a PVI Formazione e UOFAA offrendo il proprio know-how tecnico-scientifico, con la collaborazione di Suivet Training come parte del corpo docente per la Scuola Permanente di Formazione in Suinicoltura.

Formazione on line su:https://www.3tre3.it/formazione/

R. Cubillosmartin.mvzElena S394Jose CasanovasXavier Salamó+
Jose Casanovas (Jose Casanovas) ha comentado un artículo de 3tres3.com
25-jun-2018 (hace 21 días)
Carmen Ciamartinezmingo84J. Blas R. ramonjorda12Jose Casanovas+
3
boviporc_1

boviporc_126-jun-2018

La clave esta en introducir un pienso peri-parto, a base de fibras solubles e insolubles, almidones resistentes y excluyendo proteina que pueda fermentar. Hablamos siempre de temperatura exterior, pero la interior es decisiva.
El maiz y la soja, en este periodo solo aumenta la produccion de calor interno. El verdadero bienestar empieza con una dieta equilibrada, agua a libre disposición y suministrar el alimento de forma progresiva.
En nuestras granjas, las cerdas llegan a comer hasta 4 kg el dia de parto. Introducimos curcuma y otros aditivos que rebajan la fiebre y el dolor. Siempre nos olvidamos de lo esencial.🐷🐷🐷🐷
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta una publicación
25-jun-2018 (hace 21 días)
 M.viscarelli
M.Viscarelli (Massimo Viscarelli)
peste suina africana.....
La peste suina classica e la peste suina africana sono malattie infettive contagiose, che
colpiscono il suino domestico e il cinghiale. Benché caratterizzate da sintomi clinici e lesioni
molto simili, sono causate da due virus completamente diversi.
La Peste Suina Africana è causata da un virus della famiglia Asfaviridae, genere Asfivirus.
Caratteristica peculiare del virus è l'incapacità a stimolare la formazione di anticorpi
neutralizzanti, il che costituisce un importante ostacolo alla preparazione di vaccini. È una
malattia altamente contagiosa e ad esito per lo più infausto, caratterizzata da lesioni
emorragiche della cute e degli organi. La malattia non è trasmissibile all'uomo.
La PSA è inserita nella lista delle malattie denunciabili dell’OIE (www.oie.int). È una malattia
transfrontaliera, con un vasto potenziale di diffusione a livello internazionale, con pesanti
conseguenze per la salute animale, per il patrimonio zootecnico e l’economia, per i risvolti sul
commercio internazionale di animali vivi e dei loro prodotti.
Il contagio avviene attraverso la puntura del vettore, oppure per contatto diretto con altri
animali ammalati. La trasmissione indiretta è dovuta anche alla somministrazione ai suini di
residui di cucina contaminati. La presenza del virus nel circolo sanguigno (viremia) dura 4-5
giorni; il virus circola associato ad alcuni tipi di cellule del sangue, causando la sintomatologia
che conduce inevitabilmente a morte del soggetto, spesso in tempi rapidissimi.
Gli animali che superano la malattia possono restare portatori per circa un anno, giocando
dunque un ruolo fondamentale per la persistenza del virus nelle aree endemiche. Il virus è
dotato infatti di una buona resistenza, senz'altro maggiore in confronto al virus della peste suina
classica. Il virus infatti resiste in ambiente esterno anche fino a 100 giorni, e sopravvive
all'interno dei salumi per alcuni mesi, nel sangue prelevato è rilevabile sino a 18 mesi e resiste
alle alte temperature.
Nel 1930, dal Kenia, l'infezione si è diffusa in tutto il mondo in seguito al passaggio
dell’infezione dai suini selvatici anche in quelli domestici. In Spagna e Portogallo la sua
diffusione è altresì stata facilitata dalla presenza di una zecca dello stesso genere presente in
Africa, Ornitodoros. La malattia giunse in Italia nel 1967, mediante rifiuti alimentari trasportati
per via aerea.
Ad oggi la PSA persiste soltanto in Sardegna, dove l’endemicità dell’infezione è facilitata da
diversi fattori. Nelle zone interne della Sardegna, ad esempio, gli allevamenti di tipo intensivo
sono presenti in numero ridotto, mentre sono molto diffuse le pratiche di allevamento
tradizionale. Anche le caratteristiche intrinseche del territorio e le radicate tradizioni regionali,
hanno contribuito all’endemizzazione della patologia. Inoltre, il continuo passaggio del virus tra
animali selvatici e domestici, in ragione del tipo di allevamento brado e semibrado, comporta
che soltanto quando la malattia sarà eradicata dai suini domestici, scomparirà anche nelle
popolazioni di selvatici.
https://www.pigprogress.net/Home/General/2018/6/Leaving-pig-health-to-the-next-generation-294971E/
Jose Casanovas+
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta una publicación
25-jun-2018 (hace 21 días)
 M.viscarelli
M.Viscarelli (Massimo Viscarelli)
segnali dati dai climi ....
Valutazione del clima della stalla
Per valutare l’effetto del clima della stalla sugli animali occorre tenere presenti aspetti vari: ad
esempio, l‘età dell’animale, l’intensità dell’utilizzazione, il tipo di sistema di detenzione, la durata e
l’intensità dell’effetto di un fattore climatico della stalla. Alcuni fattori climatici, inoltre, non vanno
considerati solo singolarmente bensì in combinazione con altri. Così, ad esempio, una temperatura
bassa associata a valori di umidità e di velocità dell’aria bassi è sopportata meglio dall’animale di
quanto lo sia una temperatura bassa combinata a valori di umidità e di velocità dell’aria elevati.
La valutazione del clima della stalla può avvenire in base ad apposite misurazioni, i cui metodi per i
singoli fattori climatici sono illustrati nelle presenti informazioni tecniche. La valutazione del clima della
stalla può anche aver luogo attraverso semplici indicatori che consentono di individuare le carenze
dell’uno o dell’altro fattore. Indicatori di questo tipo sono le sensazioni dell’essere umano, il
comportamento degli animali e lo stato del sistema di detenzione e delle attrezzature tecniche nella
stalla.
In linea di massima, le misurazioni vanno effettuate nell’area in cui gli animali soggiornano più
frequentemente. Occorre tenere conto del fatto che i risultati delle misurazioni possono variare a
seconda della stagione, dell’ora, delle condizioni climatiche, del luogo nella stalla, della composizione
dell’aria, della temperatura superficiale degli elementi della costruzione e di altri fattori. Misurazioni
effettuate in luoghi diversi e per periodi lunghi sono più affidabili delle misurazioni saltuarie. Altrettanto
importante, inoltre, è l’impiego di strumenti di misurazione calibrati. Se si rendono necessari valori di
misurazione affidabili e ripetibili (stessi risultati alle stesse condizioni), occorre registrare il più
dettagliatamente possibile la procedura di misurazione e le circostanze in cui è stata effettuata (ad
esempio luoghi, ora, condizioni climatiche, ecc.).
Jose Casanovaspig333rpujolElena S394hendrik jan+
a Jose Casanovas (Jose Casanovas) le gusta un artículo de pig333.com
25-jun-2018 (hace 21 días)
Jose CasanovasR. Cubilloshendrik janElena S394 M.Viscarelli+